martedì 16 dicembre 2008

Vento 3

Stamane mi ha parlato, colpa mia che non sono stato abbastanza svelto a mettermi l'iPod nell orecchie.
Dicevo...mi ha parlato.
Ha deciso di passare il capodanno da qualche altra parte, a Firenze, e quando si è mosso per prenotare? ovviamente ieri, così oggi si è lamentato perchè non trova un albergo che chieda 30euro a notte...certo...è noto che vicino la fine dell'anno in città come Firenze, notoriamente un posto a buon mercato, i prezzi abbiano un calo improvviso, e poi, si sa, nessuno pensa di passare l'ultimo a Firenze e quindi è assolutamente assennato prenotare due settimane prima.
ah! il Vento-mondo, dove il cacio cresce sugli alberi e i fiumi di vino bagnano le sponde di polenta...

3 commenti:

Mauro ha detto...

Dai, ha una sua utilità... ti tiene la ente occupata ;)

Polideuce ha detto...

si...devo dire che è una miniera di aneddoti; pensa che la maggior parte me li perdo perchè ho le orecchie occupate.
Adesso ha anche scoperto che alcune luci sono solo apparentemente condominiali e non si spengono da sole...l'ha scoperto perchè gliel'ho detto; però era una cosa difficile da capire :asd:

giudappeso ha detto...

Ti rivolge la parola? Si vede che non incuti abbastanza.
Io penso che mi divertirei con un pirla così, che praticamente fa cabaret involontario, almeno ogni giorno ce ne sarebbe una nuova. La mia collega invece si limita a essere lenta come una lumaca e a guardare il computer con sospetto (oggi non riusciva a cliccare l’applicazione come si deve), e la sua difesa è sempre “è molto diverso dal programma che usavo prima”, ma evidentemente ne usava uno che si basava sui piccioni viaggiatori o sulle epistole, perché il mouse le è ostico quanto un giro di giocoliere con le fiaccole.