martedì 4 agosto 2020

Quelle ferie un po' così

Ebbene; sono ufficialmente in ferie!
persulserio...
il che vuol dire che ogni tanto lavorerò.
Che è accaduto in questo periodo?
Per ora manca solo l'invasione aliena... ma:
- ho tamponato uno... è stata proprio colpa mia; stavo pensando alla mia futura povertà, data dalla fuga dal mio posto di lavoro, a quanto questo avrebbe comportato e uno davanti a me ha frenato ed io ho frenato dopo. Morale; polideuce-mobile da rottamare, danni da risarcire; così in piena pandemia ho preso, attendendo tempi da Trabant negli anni '80, l'arrivo della nuova polideuce-mobile
- ho dovuto rifare gli occhiali; il consueto salasso inverecondo...
per cui quest'anno ho sin meno soldi del solito e, per ripagarmi le lenti, ho dovuto montare le carissime tedesche, approfitterò delle mie ferie per lavorare un pò.
Avrò comunque tempo per andare un po' a zonzo e leggere.
Tutto sommato non dovrei lamentarmi; durante il lock-down ho lavorato, ho del lavoro da fare e tutto questo è positivo... essendomi poi liberato di un individuo ingombrante ho anche meno stress.
Diciamo che per me il 2020 sta usando il bastone e la carota, più bastoni che carote, con una certa liberalità.
Per inciso; forse ho passato il covid-19, forse no... se si, ho avuto dei sintomi lievi, il bello è che la cosa resterà avvolta nel mistero.

giovedì 14 maggio 2020

Post, si spera, pandemia

Questo blog è sempre più aperiodico; povera stella.
Comunque sia la pandemia ha condotto con sè una nuova rivoluzione nel mio lavoro; ebbene, dopo alcuni anni di cattività, si ritorna al consueto tran-tran pre-2013.
Continuerò a fare il pendolare, ma le cose prenderanno la via di una decisa semplificazione e questo mi farà sicuramente bene.
Ovviamente continueranno i consueti alti e bassi, specie dopo 'sta pandemia; mi dovrò attrezzare in modo adeguato per viaggiare coi mezzi pubblici, ma il cambio di... configurazione lavorativa, diciamo così, sarà positivo.
Chissà ch'io non riesca a scrivere sul blog appena più spesso di mai...

martedì 7 gennaio 2020

...e pure una nuova era

Dopo 16 anni di servizio indefesso e più di duecentoventimila chilometri di affidabilità, la polideuce-mobile raggiungerà il paradiso delle piccole utilitarie.
Poverina; mi dispiace più per la polideuce-mobile che per il cambio di lavoro...
Certo; una cosa è connessa con l'altra, le preoccupazioni lavorative mi hanno reso distratto, evento rarissimo, e questo ha causato la rottamazione della mia scatoletta.
Purtroppo ci vogliono troppi soldi, più di quanti io possa permettermi al momento, per metterla a posto.
E' stata la mia prima vettura; insieme siamo andati un po' ovunque nel parmense, nel piacentino, nel reggiano e pure, spesso, in Trentino.
Abbiamo seguito le fantasiose indicazioni di Cinzia:
Cinzia:"voltate a destra"
io:"C'è forse un tratturo, perché pare ci siano impronte di animali, e laggiù in fondo non c'è un guado per superare il Trebbia!"
e ci sono andato moltissime volte alla Convention di Star Trek, ed è sempre stata fedele e affidabile.
Ricordo che la presi perché era la prima e la più vicina disponibile, con quel design un po' anni '70; molto bella.
E' stupido affezionarsi anche alle cose, ma a me capita spesso e mi dispiace abbandonarle.
Questo 2020 è iniziato col botto e spero, vivamente, che le sorprese spiacevoli terminino qui.

mercoledì 1 gennaio 2020

"A new hope"

Dopo un paio di decenni, dal 30 gennaio, avrà corso un nuovo inizio; cambio lavoro... o farò lo stesso lavoro, ma per persone diverse.
Gli ultimi sviluppi hanno aggravato le condizioni, già particolarmente compromesse da qualche anno, di lavoro ed è impossibile lavorare lì.
Per una volta posso dire che persino la mia Coscienza, signorina notoriamente ingombrante, per nulla indulgente, è dalla mia parte e in pace; so di aver fatto quello che andava fatto e come andava fatto, ma sono state date interpretazioni... bizzarre.
Pensare di avere sempre ragione non fa bene alla salute.
Pazienza.
Si riparte con un po' di ansia diversa.
Del resto è dal 2013 che si cerca, in modo diverso, di ridurmi il compenso e di farmi andare via rifilandomi la qualunque da fare; ed è sempre dal 2013 che, ciclicamente, e con cicli sempre più brevi, resto da solo a fare la qualunque perché sono riusciti a indispettire o litigare con chiunque.
Ho fatto "mille" traslochi lì dentro; da un palazzo ad un altro, da un ufficio all'altro... e avevo detto, tempo fa, che non ne avrei fatti altri, se si fosse reso necessario un altro trasloco me ne sarei andato e, infatti, l'ultimo sarà per andarmene.
Fine delle inutili, interminabili, inconclusive, riunioni; fatte solo per dare un uditorio ad un egomaniaco.
Insomma; confido di guadagnarci in salute, trovare in tempi brevi dell'altro da fare e rifiorire, come è accaduto a tutti coloro che, per motivi vari, se ne sono andati prima di me.
Domani andrò a iniziare a "sbaraccare"; devo anche smontare e pulire la didascalica parete (una vetrata sulla quale ho messo immagini esplicative del posto di lavoro; basta saperla leggere).
In questi anni, se dovessi trarre un bilancio, ho conosciuto ottime persone, con alcune delle quali ho mantenuto rapporti, e questo credo che sia l'aspetto migliore in assoluto.
Ho imparato, da autodidatta o con l'aiuto di amici, volente o nolente, molte cose nuove e a sufficienza per rendermi conto di quanta approssimazione vi sia là dentro nel fare le cose.
Sono in ansia e spaventato perché, per citare Star Trek che fa sempre bene, è "a big step", ma sono anche fiducioso; del resto lo dico sempre che un cambiamento è sempre positivo, perché ti obbliga ad accedere a risorse che pensavi di non avere e adesso è tempo di testare, nuovamente, su di me, questa cosa.
Sono arrivato sin qua, non c'è motivo per non proseguire.
Una cosa è certa; non sto facendo un favore a chi resta

sabato 10 agosto 2019

Le sudate ferie

Sono finalmente in ferie e come prima cosa ho comprato due libri; un disastro perché, decisamente, non ne avevo bisogno, ma mi dispiaceva lasciarli lì.
C'è anche da dire che grazie a quelli che come me leggono un poco più di un libro l'anno e, soprattutto, comprano più libri di quanti ne potranno mai leggere, se in Italia esistono ancora delle librerie e delle biblioteche.
Non so se avete letto le ultime statistiche di lettura; desolanti.
Per queste ferie, come accade ormai da un po', ho un programma bellissimo: svacco, lettura, svacco, lettura, disegno qualche prospetto per non perdere l'abitudine, svacco e lettura.
Andrò a trovare una mia amica sui monti e farò qualche giro qui intorno.
Avrei potuto andare chissà dove, ma mi scordo sempre di prenotare oppure la carta è al lumicino e mi sa briga andare in banca per farle una trasfusione... e poi ho un sacco di libri da leggere e viaggerò con quelli.

giovedì 25 aprile 2019

Confundus

Altra:"sai tornare a casa da qui? vuoi seguirmi?"
io:"Non preoccuparti; vedrai che mi orizzonto. Grazie"

Allora; volto di qua, poi di qua, vado un po' a memoria... e... come "Rivalta"???
Bene; mi sono perso e non so neppure in che direzione è Rivalta.
Proviamo di qua, poi volto qua... e qui?
Ah! "Montecchio"! So dov'è.
Uhm; non ho la più pallida idea di dove mi trovo... lo sapevo; "Montecchio" era una indicazione oracolare; più che indicare, accenna.
Proviamo con "Cavriago"... fantastico, anche questa è una indicazione al pari di "Montecchio; proviamo di qua.
Uhm... 'sto edificio non mi è nuovo.
Vado a sinistra; non posso fare altro.
Di qua, poi qui... e in questa rotatoria?
"Viale Rivoluzione D'Ottobre"; va bene... non può portarmi male.
Qui ci sono già stato, non ricordo assolutamente come ho fatto ad arrivarci, ma ci sono già stato.
Allora; sono già passato da qui, questo è l'edificio di prima, sono venuto da qui e provo a sinistra.
"Albinea"; ok... sono nella direzione sbagliata; torno indietro.
Adesso; da lì ci sono già passato, di lì... no, andrò dritto.
"Centro"; va bene... poi prendo di qui, dopo il semaforo vado dritto.
Non posso proseguire, quindi torno sulla via di prima... "Via Timavo"; la conosco!!!
Adesso volto di qua, magari circumnavigo la città, ma ho una vaga idea di dove sono.
Mazinga!!! Eccolo!!! Thalassa, thalassa!!!

Permane l'incantesimo confundus, ma saprò sconfiggerlo.

domenica 7 aprile 2019

Abbazia di Torrechiara

Ero curioso di vederla e sono andato oggi; non ho ben capito come funzionano le visite, ma ho visto il solo chiostro... la chiesa è visitabile solo in alcuni orari.
L'Abbazia è tutt'ora abitata e merita una visita dopo aver fatto i turisti per il sempre bel castello di Pier Maria Rossi; vi conviene visitare il castello al mattino e dopo l'abbazia.