lunedì 17 luglio 2017

Che pazienza

"Sarò assente per ferie dal 05/06/2017 al 19/06/2017"
Se però ricevo questa risposta in data odierna allora sei stato in ferie e sarebbe carino che sistemassi le mails e rispondessi dato che, stando alla risposta, oggi dovresti essere al lavoro.
Che pazienza...

Oppure c'è anche questo caso:
scrivi una mail lunga e complessa, articolata in più questioni, perché necessiti di svariate spiegazioni, il più delle volte relative a pratiche da istruire per piccoli edifici, stretti da più parti da altri fabbricati adiacenti, con facciate in aderenza, servitù e amenità consimili, perché più l'edificio è piccolo e più è rognoso, per cui lo scritto è il trionfo dell'interrogativo e ti rispondono: "si"
"si" a cosa? è la risposta a quale delle mille domande che ti sono state poste? è un "si" di significato cosmico? devo lanciare un d20 e usare "auspex"?
Che pazienza... bis.

venerdì 14 luglio 2017

Iperurania

Secondo Platone esistono, in accordo con la sua esemplificazione della "caverna", due mondi; uno illusorio e sublunare, composto da proiezioni d'oggetti reali e uno composto da questi ultimi, posto in un cielo diverso, eterno e non transeunte.
La metafora della caverna è illuminante ed esemplificativa, ma voglio fornirvi un altro esempio tratto dal mondo corruttibile e vano, soggetto alle forze di Eraclito, che muta in ogni istante.
"Il tecnico di turno risponde dalle 9:00 alle 11:00"
Questa dichiarazione di intenti cade direttamente dall'iperurania; è una asserzione di tetragona solidità che, ahinoi, subisce lo scorrere e il fluire del mondo sublunare.
Per chiarire cosa intendo possiamo dividere l'affermazione in due parti:
"il tecnico di turno risponde" ci fornisce la certezza che qualcuno risponderà alle nostre domande e preci;
"dalle 9:00 alle 11:00" individua un, seppur breve, lasso di tempo nel quale noi, insieme ad altri 600 tecnici, stima approssimata per difetto, possiamo comunicare con il Tecnico di Turno di cui sopra.

Partirò dalla seconda parte; l'orario.
In realtà, a cagione del relativismo culturale che impone una regolazione degli orologi e dei ritmi circadiani differenti, l'orario più vicino a quello effettivo va dalle 9:10 alle 10:50... circa.
Se si chiama alle 8:59:30 ti viene detto che ancor non sono le nove, argomentazione corretta, ma se si chiama alle 9:01 il tecnico di turno non risponde...

Passiamo alla prima parte dell'affermazione: il tecnico di turno risponde
... si; solo in caso di quadrilatero tra Giove, Saturno e Nibiru con Sirio A in opposizione e Sirio B e C allineate con il centro della galassia; di recente, ovvero da qualche mese, è così.
Il Tecnico di Turno, novello Idra o Leone di Nemea, è divenuto un raro animale mitologico i cui avvistamenti si perdono nelle brume notturne di tempi incommensurabilmente lontani dall'evo moderno.
Esiste la possibilità di lasciar un messaggio al Tecnico di Turno il quale dovrebbe richiamare; spiritosi... non è mai accaduto.
A onor del vero m'è accorso un caso simile una volta; il Tecnico mi ha richiamato... la settimana dopo, quando ormai avevamo risolto altrimenti.
L'alternativa è quella di mandare, invano ovviamente, una mail e pregare tutti i Numi, nell'ordine che più vi ispira, di avere risposta.
Personalmente credo che abbiano affidato l'incarico di Tecnico di Turno ad un'unica persona, capace, valida e di provata competenza: Vitruvio... è per questo che è difficile parlarci o che risponda alle mails.

mercoledì 12 luglio 2017

Golem di ruggine; svanire 4/4

Non so quanti giocatori di Magic vi siano tra i miei manzoniani lettori, ma le creature con "fading", che perdono i pezzi o che scompaiono in itinere, durante la partita, lasciandoti con un buco nella difesa, sono solo all'interno del gioco; per quanto mi riguarda fanno parte della vita reale e sono tutte quelle persone che incontriamo e che sappiamo che, prima o poi, le perderemo.
Intendiamoci; abbiamo tutti la data di scadenza da qualche parte e nel giro di un'ottantina, o più, anni finiamo i segnalini svanire... si veda, a tal proposito, quanto dicono gli Stoici al riguardo.
Abbiamo, però, la tendenza ad abituarci alla gente e anche questo fa parte dello stare bene; cambiare di continuo non fa bene.
Vabbè; un po' sproloquio un po' no, non ha molta importanza... un po' di confusione va bene ogni tanto.
Si sappia che, comunque sia, oggi mi trasferirei volentieri su un altro pianeta possibilmente disabitato