lunedì 21 marzo 2011

Rilievo e facezie

Stamane sono andato in quel di Canegrate, un paese nell'hinterland milanese, per fare un rilievo. Sono partito alle 7:40, non volevo partire troppo presto onde evitare di essere là all'alba, ma non volevo neppure rischiare di prendere gli orari di massimo traffico nella tangenziale di Milano; non mi ero portato nessuna tela da tessere per riuscire a far passare il tempo dall'ingresso in tangenziale all'uscita :asd:
Sono arrivato in cantiere alle 9:40, come avevo preventivato insomma, e sono riuscito a rimanere sino alle 17:40; dopo otto ore di rilievo continuato e senza sosta i piedi hanno proclamato l'indipendenza e mi hanno obbligato, in combutta con la spalla, a riprendere la via verso l'Emilia.
Mi sento un po' carretta...
Al ritorno Milano è stata gentile e non mi ha fatto trovare code o rallentamenti eterni.
Ci torno mercoledì e finirò il rilievo così da non dover tornare giovedì.

Nel frattempo, per parlare delle "facezie" del titolo, sto leggendo "Aistotele contro Averroè"; si tratta di un libro di uno storico francese il cui obiettivo è ridimensionare l'apporto dell'Islam alla cultura europea. Onestamente non sapevo neppure che un tale dibattito si fosse aperto, ero rimasto a un contributo marginale, ma evidentemente in Francia le cose sono diverse. Fatto sta l'autore fornisce dati sul legame che l'occidente ha mantenuto con la cultura greca classica e per fare ciò deve ricorrere alle comunità greche d'Italia e ai legami tra l'occidente e Bisanzio.
Non starò a scrivere qualcosa di lungo su Bisanzio, ma sappiate che ho fatto un sogno a tema.
Ho sognato che ero sotto processo durante il quale ho difeso la mia iconodulia, ho rigettato il monotelismo e difeso le tesi del concilio di Nicea e per questo ho potuto partecipare al trionfo dell'Ortodossia; non credo che mi convertirò all'Ortodossia solo perché la mia bizantinite è cronica, ma questo sogno mi fa pensare che ultimamente la malattia sia terribilmente peggiorata... se va avanti così dovrò farmi vedere da qualcuno di bravo :asd:
La cosa interessante del libro che sto leggendo, tanto per saltare di palo in frasca, è che è impossibile non accorgersi che l'autore è francese. Il suo gallicanesimo devo dire è moderato, molto sfumato tutto sommato, ma è presente ed è impossibile ignorarlo.
Mah... sti cugini gallocentrici.

3 commenti:

giudappeso ha detto...

Allora è stata una bella mena... avventura, insomma. Asd!

Per la bizantinite sei allo stadio terminale, ormai non ci sono più speranze. Asd!

Artemis Hannover ha detto...

Concordo con Giuda... Ma immagino che debba essere stato un sogno molto interessante!!! ASD!! :)

Polideuce ha detto...

@Giuda: spero solo che lo stadio finale della bizantinte preveda la secrezione di oro al posto del sudore; se così fosse avrei risolto i miei problemi :asd:

@Artemis: si, lo è stato... ma è stato anche faticoso dover argomentare. La prossima volta spero di suggestionarmi con qualcosa di meno faticoso :)